Perché usare i problemi in classe

Motivazioni didattiche

I problemi possono essere stimolanti e coinvolgenti, sia per il contesto narrativo che si sfrutta per presentarli, sia perché i ragazzi li possono avvertire come una sfida del tutto positiva.

I problemi consentono di tornare più volte su uno stesso argomento, ogni volta a un grado di approfondimento maggiore, lasciando ai ragazzi il senso della consapevolezza del percorso fatto.

La scuola istituzionalmente ci richiede di lavorare sulle competenze, e i problemi sono un’ottima occasione per farlo.

ragazzi che studiano la simmetria di alcune figure, per classificare i rosoni tra esse presenti

Motivazioni storiche

La matematica è nata per risolvere problemi (problemi concreti o problemi astratti, problemi esterni o problemi interni alla disciplina).

Motivazioni epistemologiche

I problemi consentono di vedere i legami tra i diversi settori della matematica, e i legami anche fra la matematica e altre discipline.

La simmetria del cubo scoperta attraverso l'uso di un caleidoscopio 3d